Case History

Marcature indelebili, ma “laserate”

BTicino® non ha certo bisogno di presentazioni essendo uno dei marchi italiani più noti al mondo nel settore della domotica ed è specializzata nella produzione e distribuzione di impianti elettrici a uso civile, industriale e terziario. Nello stabilimento di Erba vengono sviluppati e prodotti tutti i prodotti domotici e di videocitofonia del Gruppo Legrand®, di cui è parte integrante dal 1989. In questo centro d’eccellenza sono sviluppati i processi produttivi legati alla componente elettronica dei prodotti. “Il miglioramento continuo è il dogma dello stabilimento di Erba” afferma Simone Maiocchi, Sviluppo Macchine Collaudo, Applicativi e Servizi Software Industriali di BTicino® S.p.A. “Tutti gli impianti attivi qui a Erba sono di nostra progettazione e costruzione; ci avvaliamo di partner tecnologici specializzati e qualificati da cui acquistiamo le varie tecnologie che integriamo in linee automatiche atte a rendere ottimale la produzione di un determinato articolo nel caso di un prodotto finito o una gamma di schede elettroniche nel caso della componentistica elettronica che realizziamo per conto di tutto il Gruppo Legrand®.

Nel caso specifico della marcatura laser, ci avvaliamo fin dagli inizi della collaborazione di SEI Laser che ci ha permesso di superare diverse questioni tecnico ambientali legate alla metodologia usata in precedenza. La tampografia, infatti, oltre a non assicurare marcature indelebili nel tempo, comportava anche non poche problematiche in fatto di gestione e smaltimento degli inchiostri impiegati”. Rispetto alla tampografia, infatti, la marcatura laser è assolutamente indelebile. La tampografia è una sorta di stampa che tende a svanire con il tempo, mentre la marcatura laser produce un viraggio di colore duraturo. Ciò si traduce in qualità, risparmio dei costi, vista anche l’assenza degli inchiostri da gestire e smaltire e una conseguente tracciabilità eterna. Tra l’altro, in virtù dei numerosissimi codici prodotto da realizzare, vi era una complicata gestione di tutto ciò che ruotava attorno al processo di tampografia in termini di logistica dei materiali e degli inchiostri.

“Abbiamo linee pensate su misura per produrre oltre 100.000 prodotti all’anno e in questi impianti, finora, abbiamo sempre integrato laser SEI che di

volta in volta ha saputo indicarci e fornirci la soluzione migliore” racconta Carlo Benetti, analista di produzione che assieme a Maiocchi ci accompagna. “Affidabilità e tempi di intervento rapidissimi, qualora capitasse qualche inconveniente, sono per noi punti fermi che un fornitore ci deve assicurare in quanto si tratta di linee di produzione che vanno praticamente sempre e producendo One Piece Flow secondo la logica tipica della Lean Manufactirung un fermo produttivo rappresenterebbe un problema grosso da gestire”.
In particolare, BTcino® ha installato un Laser3 che viene utilizzato per la realizzazione di una placchetta in plastica dell’attuatore realizzata in policarbonato TP 191, materiale ignifugo e antiurto su cui il laser va a realizzare un viraggio di colore del materiale plastico: “Lavorando sulle potenze, sulle frequenze e sulle velocità, andiamo a cambiare le proprietà chimico fisiche del materiale” spiega Francesco Auletta. “Preferiamo far fare al materiale questo viraggio di colore piuttosto che un’incisione vera e proprio anche perché se scavassimo troppo correremmo il rischio di far “ribollire” il materiale e la qualità ottica della marcatura si

abbasserebbe notevolmente in quanto parliamo di caratteri da mezzo millimetro”.
Il Laser3 utilizzato è stato sviluppato per applicazioni in ambito ID-Card, farmaceutico, elettronico, food & beverage, automotive, meccanico e più in generale ovunque vi sia necessità di eseguire una marcatura estetica o di codifica e tracciabilità su linee di produzione. Il Laser3, come venie comunemente chiamato, è un sistema di marcatura laser con tecnologia DPSS “long life” operante nell’infrarosso (1064nm) che si caratterizza, oltre che per la particolare architettura ottica di generazione del fascio laser, per avere cavità laser, testa di scansione ed elettronica di comando Full Digital integrate all’interno in un unico cubo dalle dimensioni assolutamente contenute. Inoltre, la possibilità di marcare al volo su una linea in movimento, la presenza di una completa dotazione di I/O digitali, porte seriali RS 232/485 e connessione di rete LAN 10/100, fanno di Laser3 lo strumento di marcatura ideale per l’integrazione in linee di produzione e automazioni di qualsiasi genere.

Due stazioni quasi gemelle

Accanto a LASER3 vi sono anche due postazioni di marcatura laser stand alone denominate Scriba a tavole rotante. La differenza maggiore è che una monta due teste di laseratura per marcare sia la parte frontale che laterale dei pezzi, in questo modo si ha quindi la massima copertura di laseratura sul pezzo, mentre la seconda è dotata di un solo laser in quanto esegue solo ed esclusivamente la laseratura della parte superiore dei pezzi. Entrambe sono equipaggiate con il software Icaro proprietario SEI Laser e sono comandate dall’operatore che non fa altro che selezionare il codice da produrre dal server dove sono depositati tutti i file di laseratura, predisporre le dime di posaggio sulla tavola, perché ogni prodotto ha la sua dima, e avviare la produzione.

news e comunicati

vedi tutti
05.06.2018

SEI Laser è lieta di annunciare di aver ricevuto il “Rating di legalità” dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato con…

continua
13.04.2018

SEI Laser ti invita all’Open House organizzata presso Nordmeccanica. Tre giorni dedicati al sistema laser Packmaster OEM CW con un focus…

continua

fiere ed eventi

vedi tutti
01.10.2018

Dal 5 al 6 DICEMBRE 2018 siamo lieti di informarvi che saremo presenti a Denim Premiere Vision a Londra, evento dedicato alle ultime…

continua
01.10.2018

Dal 25 al 27 SETTEMBRE 2018 siamo lieti di informarvi che saremo presenti a Labelexpo Americas a Chicago, evento dedicato alle ultime novità…

continua